Vivirosso.it

Il mio spazio verde sul web

Murazzi ” Night and Day”, una riqualificazione possibile

I Murazzi sono una delle parti più suggestive del centro di Torino.

Devono il loro nome agli alti muri , in piemontese murass, che furono innalzati per proteggere la città dalle esondazioni del Po e servirono per moltissimo tempo come punto di approdo delle imbarcazioni e come rimessaggio delle barche.

Ma la pesca si sa in un fiume inquinato è poco praticabile e negli anni ’70 si pensò di trasformare i locali sotto gli archi in locali per il divertimento notturno.

E se la movida si può intendere come una ricchezza per la città, nel caso specifico dei Murazzi si è arrivati a un vero e proprio problema di gestione di una zona ad alto affollamento notturno, con spaccio e malavita diffusa.

Solo le piene del Po salvano gli abitanti della zona dai disagi che un certo specifico turismo notturno provoca. Ma a parte il disagio dei residenti e i problemi di ordine pubblico, il complesso dei Murazzi del Po è comunque, sotto tutti i punti di vista, sottoutilizzato.

Architettonicamente è un sito straordinario realizzato con argini in blocchi di pietra con scivoli inclinati e bitte e anelli di attracco.

Un luogo affascinante , con una vista splendida, una passeggiata su fiume piena di magia che andrebbe potenziato nella sua aurea ottocentesca.

Sicuramente puntando molto di più sulle attività diurne , anche solo incentivate in determinati periodi, cioè quando soprattutto in inverno il Po trattiene le sue acque , legando per esempio le luci di Natale ad un percorso enogastronomico da realizzare per i turisti.

Anche d’estate si potrebbe renderlo percorso turistico con bar e dehor in stile francese , che ben si armonizzerebbero con il paesaggio.

Se poi fossimo veramente arditi, si potrebbe pensare di utilizzare anche le esondazioni come elemento caratteristico, realizzando bistrò e negozi con arredi elevabili con carrucole automatiche quando il Po si diverte a dare il meglio di sé.

In fondo abbiamo la facoltà di Architettura a due passi e gli architetti mica devono solo progettare palazzacci, potrebbero anche dedicarsi agli arredi sospesi o a soluzioni innovative per rendere unico un angolo già di per sé indimenticabile, della nostra città.