Vivirosso.it

Il mio spazio verde sul web

La sicurezza non si valuta dal numero di investimenti di pedoni

E’ passato questo mese il nostro Ordine del Giorno dal titolo:
“Segnalazione sui rischi di viabilità e provvedimenti urgenti da adottare in corso Cairoli al fine di consentire l’attraversamento dei pedoni del viale centrale e diminuire gli incidenti nei controviali”

L’ODG pone in rilievo come corso Cairoli, un corso di grande percorrenza automobilistica che costeggia il Po da corso Vittorio Emanuele sino a via Giolitti, sia un corso dove gli automobilisti tendono di giorno a mantenere una velocità piuttosto elevata e di notte si spingono a fare piccole gare di velocità.
Il Corso risulta essere inoltre una zona di grande pericolo per l’attraversamento dei pedoni che trovano estrema difficoltà nell’attraversarlo all’altezza di via del Mille e di via Mazzini.

La situazione appare ancor più grave in quanto c’erano stati solo due investimenti di pedoni nell’ultimo anno e non rientrava quindi nei punti sensibili da mettere in sicurezza.
Sappiamo anche che, in alcuni casi, nell’impossibilità di rendere sicuro un attraversamento pedonale il Comune ha pensato bene di eliminarlo, ma questo dovrebbe essere effettuato solo in casi davvero estremi e non su un Corso che fa da barriera alla fruizione del lungo Po e si collega al Parco del Valentino.

L’ODg era richiesto dai cittadini che da anni anche tramite lettere ai giornali e segnalazioni pubbliche, tramite la Circoscrizione, denunciavano la mancanza di sicurezza di questi due attraversamenti .

La richiesta al Comune, votata dalla maggioranza consigliare e non dalla minoranza è stata di avere principalmente un semaforo( a chiamata o intelligente, cioè quelli arrestano il traffico se si supera la velocità), autovelox stabili o altri dissuasori stabili atti a diminuire le attuali velocità, e la predisposizione immediata di un monitoraggio del controviale di corso Cairoli da parte della Polizia Municipale in modo da verificare lo stato attuale del traffico e le velocità di percorrenza.
Per limitare il fiume di auto inarrestabile sul corso si chiedeva inoltre la predisposizione di un attraversamento protetto per il passaggio dei pedoni che potrà essere facilmente realizzato con un attraversamento in rilevata cioè un piccolo rialzo per tutta la larghezza del corso.

Speriamo che il Comune tenga conto di questa indicazione della Circoscrizione, che passa agli uffici senza bandiera politica, e che vuole essere il tentativo di risparmiarci altri incidenti e soprattutto quel fatto doloroso del brutto investimento di un bambino, che non vorremmo mai più leggere sulla cronaca cittadina.