Vivirosso.it

Il mio spazio verde sul web

Il candidato che non cambia partito perche vive le sue idee

Manuale del candidato che non cambia idea perchè vive le sue idee.

Possono partecipare alla candidatura coloro che:

– hanno passato 10 notti al presidio di Venaus con il cane di Biagio

– 20 marce sotto la neve, la pioggia può andare bene, il sole non conta.

– da un anno non bevono più acqua in bottiglia, se stremati dalla sete si dissetano nel bagno putrido dell’ufficio.

– sono in grado di stare 3 mesi senza usare l’auto, si ingegnano per trovare modalità di trasporto alternative, per località di montagna i cani da slitta sono consentiti.

– riducono notevolmente il loro consumo di carne, eliminano l’hamburgher e imparano a farsi il seitan. allego audiovisivo con spiegazione passo passo con 50 fotogrammi, per i più ottusi c’è la versione da 100 fotogrammi.

– fanno la raccolta differenziata e indicano settimanalmente il peso dei loro diversi rifiuti, mangiare al bar e dalla mamma per diminuire i rifiuti non è consentito, neppure dall’amante.

– acquistano dai gruppi gas e dal mercato solidale, se pizzicati al Carrefour ammettono di non essere passati per caso, soprattutto se in possesso di carrello pieno.

– test psicologico per i candidati uomini: Trovi una minorenne nuda nel tuo letto, qual’è la tua reazione:

1- entri nel letto ed esamini il soggetto

2- entri nel letto e chiedi il documento, non sono validi, tessera della biblioteca e tessera del Blockbuster.

3- non entri nel letto e chiedi un certificato del tipo “acconsento e dichiaro”, poi entri…

4- la osservi e fai da te

5- la fai rivestire, l’accompagni a casa

6- la fai rivestire, l’accompagni casa e le spieghi che se è brava nel lavoro o nello studio potrà comunque far carriera, più facilmente all’estero.

Solo i punti 5 e 6 saranno accettati.

Il test può essere somministrato alle donne con l’aggiunta del punto

7- gli rimbocchi le coperte, gli lavi la biancheria puzzolente e l’indomani lo porti a scuola

.Anche il 7 è un punto accettato

– servono una volta al mese il pranzo alla mensa dei poveri così si ricordano il privilegio della loro posizione.